L’Italia che affonda

Diversamente da quanto sostenuto in tempi precedenti all’avvio della Strategia di Lisbona, quando si era eccessivamente focalizzata l’attenzione sulle ricerche applicate e sul trasferimento tecnologico tra università e industria, la decisione con essa assunta di puntare anche sulla ricerca di base e sulla sua produttività non ha fatto guadagnare terreno all’UE rispetto ai suoi concorrenti. Ad esempio, solo nel campo della fisica e dell’Ingegneria l’EU15 va meglio degli Stati Uniti, mentre in tutti gli altri settori presi in considerazione (percentuale delle citazione dei lavori scientifici, medicina clinica, biologia, scienze ambientali e matematica) siamo da essi sorpassati (vedi  figura 8).


 

1.5 - La ricerca di base dell’EU15 in confronto a USA e UK

Quadro 1 - Il contesto europeo e mondiale

Quadro precedente

Quadro_1.6.html

Quadro successivo

HOMEHome.html

Note e osservazioni


Quadro_1.4.html